Agricoltura e alimentazione, nomi al femminile

Farmers are planting rice in the farm.Esther Vivas

Quando parliamo di cibo e agricoltura, raramente facciamo riferimento al ruolo fondamentale che le donne hanno nella produzione, distribuzione e nel consumo di alimenti. Come tutti i lavori accurati, il cibo è stato relegato segmento dell’invisibile. Ma l’agricoltura e l’alimentazione hanno nomi femminili, ed è imprescindibile dare valore a ciò che mangiamo e come mangiamo, facendo notare che questo è di tutti.

La coltivazione degli alimenti, soprattutto frutteti e orti di piccole dimensioni, è sempre stato il lavoro delle donne.Nei paesi del Sud, ancora oggi, tra il 60 e il 80% della produzione di cibo è nelle mani delle donne. Nonostante questo, sono proprio le donne e le ragazze – secondo i dati della Fao – che patiscono la fame : il 60 % della fame cronica le colpisce direttamente. Perché? Le donne lavorano la terra, coltivano, raccolgono frutta e verdura, ma non hanno accesso alle proprietà, al credito agricolo… e, di conseguenza, non ricevono il frutto di ciò che producono.

L’attuale modello agricolo è irrazionale, non solo perché si basa sul cibo che arriva da lontano quando potremmo consumare quello di prossimità: uccide l’agricoltura locale, invece di difendere una campagna viva; scommette su un paio di varietà di colture, quando possono essere recuperati semi antichi, è dipendente da pesticidi e dagli Ogm , il che implica complicazioni per la nostra salute e il pianeta, invece di investire in agricoltura biologica. Ma condanna anche alla fame chi ha un ruolo centrale nella produzione agricola: le donne.

Eppure una nuova agricoltura al femminile è quella che si trova in molte parti del paese, dove le donne rurali, spesso giovani, capiscono che il cibo e la terra sono fondamentali per la gente. Gruppi e cooperative di consumo in cui le donne sono fattori chiave. Esperienze di utilizzo e il riciclaggio dei prodotti alimentari, “stufa mobile” e mense per i poveri, con le donne sul fronte delle nuove attività. Poi giardini urbani, occupando terreni abbandonati, grazie a una significativa presenza femminile.

Alternative per rivendicare la sovranità alimentare, la capacità di decidere, noi (i contadini e consumatori), su ciò che mangiamo. Un’alternativa che deve essere necessariamente femminista e concentrarsi sulla parità dei diritti, chiedendo l’accesso ai mezzi di produzione alimentare (terra, acqua e semi) uguali per uomini e donne.

Riprendiamo l’interesse in quello che mangiamo, da dove proviene, come è stato prodotto: diamo valore, di nuovo, a qualcosa di essenziale come l’agricoltura. Ed è responsabilità di tutti, ed è il primo passo per iniziare a cambiare le cose e rendere la nostra vita più giusta, sana e in ultima analisi vivibile.

*Articolo pubblicato originariamente in catalano in Etselquemenges.cat.
***Traduzione di Globalist.it.


%d bloggers like this: